Carta dei Valori di “Genio in 21 Giorni”

Imparare è sempre ribellione.
Ogni brandello di nuove verità scoperte è rivoluzionario,
rispetto a ciò che si era creduto prima.

 Margaret Lee Runbeck

Alfred Adler fu uno psichiatra, psicoanalista e terapeuta austriaco, e – con Sigmund Freud e Carl Gustav Jung – uno dei fondatori della psicologia psicodinamica. Adler amava dire: “Cosa fai per prima cosa quando impari a nuotare? Fai degli errori, non è vero? E quando hai fatto tutti gli errori che è possibile fare senza affogare – e alcuni di loro anche più e più volte – cosa scopri? Che sai nuotare. Bene, la vita è eguale: non aver paura di fare degli errori, perché non c’è altro modo per imparare come si vive”.

Questo “codice etico”, è il frutto di un paio d’anni di riflessione sul nostro lavoro, sulle motivazioni che ci animano, e anche – per richiamare Adler – sugli errori che abbiamo commesso per leggerezza o eccesso di entusiasmo.

Abbiamo creato un sistema di apprendimento a nostro avviso unico, grazie al quale aiutiamo le persone a sviluppare il proprio metodo di studio, quello più efficace a raggiungere i propri obiettivi, e che asseconda le caratteristiche individuali del modo di pensare e apprendere. Il metodo che abbiamo elaborato ha dato risultati inimmaginabili a decine di migliaia di studenti: funziona, in modo straordinario, e non perché lo affermiamo noi, ma perchè lo confermano le migliaia di testimonianze scritte e video che spontaneamente gli iscritti ai corsi hanno rilasciato e che abbiamo pubblicato online.

Eppure, vogliamo andare oltre: vogliamo riuscire a far conoscere i valori che riteniamo siano alla base del nostro impegno. Per questo abbiamo creato “Genio in Cantiere”: una piattaforma aperta, sulla quale – grazie anche ai Vostri suggerimenti, che ci auguriamo arriveranno numerosi alla casella [email protected] – vogliamo tentare di “codificare” i principi cardine che regolano ogni giorno la nostra attività imprenditoriale.

Terminata la fase di creazione di questo corpus di conoscenza, ci impegneremo con energia per condividerlo con tutti i nostri collaboratori, costruendo consapevolezza a tutti i livelli, finchè questi principi non saranno completamente introiettati nell’organizzazione, e servendoci anche di un cruscotto di indicatori utile per misurare l’eventuale scostamento tra quanto dichiariamo e quanto facciamo realmente. Di questo eventuale scostamento, e delle iniziative che assumeremo man mano per correggerlo, rendiconteremo chiunque sia interessato mediante la periodica pubblicazione di “report” su questa stessa pagina web.

Le nostre parole chiave (non in ordine di importanza)

Coraggio e determinazione. Questo concetto passa necessariamente attraverso la ricerca e il riconoscimento del proprio obiettivo, nella vita come nella professione, e il successivo impegno e duro lavoro per rimuovere gli ostacoli che si frappongono tra la situazione attuale e la situazione ideale. In “Genio”, abbiamo ben chiara la differenza tra il “dire” e il “fare”, e quanto sia a tratti complicato trovare la determinazione per realizzare nel mondo reale i propri sogni. Questo valore ci porta direttamente al secondo concetto…

Umiltà nella preparazione. Bisogna quindi essere umili quando ci si prepara, pensare che si ha sempre qualcosa in più da imparare, e che non si è mai arrivati realmente da nessuna parte. Allenarsi, sudare e faticare non sono cose negative, anzi: percepire che stai superando i tuoi precedenti limiti è una sensazione fantastica. Questo può includere qualche fallimento: non bisogna demoralizzarsi per questo, perché siamo convinti che più si suda in allenamento, e meno si rischia poi sul ring.

Condivisione. Avere delle relazioni appaganti è uno degli istinti primari di un essere umano: siamo “animali sociali”. Se ciò che cerchiamo nella vita è la felicità o comunque delle emozioni positive, condividere le emozioni con qualcuno è un buon modo per amplificarle e consolidarle. Nulla di quello che facciamo, anche ciò che amiamo di più, avrebbe infatti lo stesso sapore, lo stesso gusto, la stessa bellezza se non ci fosse qualcuno con cui condividere. Per questo noi di “Genio” crediamo fortemente nel valore della condivisione.

Sincerità e rispettare gli impegni presi. Questo significa per noi di Genio insistere nell’erogare servizio fintanto che le persone, che hanno pagato per quel servizio non ottengono il risultato sperato. Quando vendiamo un corso, riceviamo del denaro: ma poi dobbiamo guadagnarcelo. A volte questo nostro entusiasmo è stato frainteso, come se “volessimo obbligare” a tutti i costi qualcuno a terminare un corso; il punto è che sentiamo una forte responsabilità per ogni euro che abbiamo incassato, e vogliamo sinceramente aiutare i nostri corsisti nel risolvere i loro problemi di apprendimento. Il nostro obiettivo non è vendere corsi: è garantire che gli iscritti – soddisfatti o rimborsati – raggiungano l’obiettivo che si erano posti all’atto dell’iscrizione. Questo include, se sbagliamo, avere la capacità di chiedere scusa e di rimetterci in gioco per fare di meglio.

Promuovere la crescita delle persone. Vedere i ragazzi che tornano ad amare lo studio e gli adulti che capiscono di poter fare molte più cose di quelle che credevano possibili, ci convince che stiamo impegnando la nostra vita per qualcosa di enorme valore. La sensazione di essere un piccolo tassello nella felicità delle persone, è una sensazione straordinaria, che ci ripaga di ogni sforzo.

Essere insaziabilmente “curiosi”. Conoscere, sapere, scoprire: in una parola, imparare, è una delle attività principali degli esseri umani. Se ci pensate, la prima domanda che si fa un essere umano quando impara a parlare è: “Perchè?”. Per questo abbiamo consapevolezza del fatto che il percorso di conoscenza tende a non esaurirsi mai: finché siamo stimolati a conoscere, ad apprendere, siamo vivi.

Ricercare l’autonomia. La riuscita nello studio è a nostro avviso un mattone fondamentale per la riuscita nella vita. Nel migliorare la nostra capacità di apprendere, dobbiamo sentirci capaci di fare qualcosa che prima non eravamo in grado di fare: questo è anche un modo per riuscire ad avere il controllo di altri aspetti e altre situazioni della nostra vita, guadagnando maggiore autonomia. Quando i nostri comportamenti e i nostri traguardi non li abbiamo scelti noi, ma ce li impone qualcun altro, rischiamo di diventare «pedine», mentre essere autonomi vuol dire vivere la vita che vogliamo, con le mete che noi stessi ci poniamo dinnanzi. Questo ovviamente deve includere – per chi non desidera aderire alla nostra proposta – la possibilità di non perfezionare un acquisto in serenità, senza sentirsi in alcun modo “forzato”, perché la libertà di essere autonomi nelle proprie scelte – che noi vogliamo incentivare – passa anche attraverso il pensarla in modo diametralmente opposto a noi.

Conclusione

Sei un collaboratore o un corsista? Hai avuto un contatto con la nostra azienda? Hai letto un libro che parla del nostro metodo? Vuoi dare un contribuito alla costruzione del nostro codice etico? Compila il form sottostante e GRAZIE fin da ora per il tuo tempo e per l’attenzione che ci stai dedicando!

Dopo un contatto con “Genio”, hai notato personalmente – o sei venuto a conoscenza tramite qualcuno – di una violazione, vera o anche solo presunta, a questa Carta dei Valori, o di altre norme di comune buon senso?

Contattaci su questa pagina

Qui puoi leggere il Codice Etico di un Istruttore di “Genio in 21 Giorni” e – se lo desideri- contribuire all’ulteriore miglioramento delle norme che regolano il lavoro della nostra azienda e il rapporto con i corsisti