Sono un ragazzo di 23 anni che frequenta il II anno del corso di specialistica in management all’Università Bocconi di Milano.
A proposito del mio rapporto con “Genio” non è facile condensare 10 anni di esperienze in poche righe, ma farò del mio meglio.

Il mio primo contatto con il corso Genio inizia nella mia Catania quando ero solo uno studente del secondo liceo. Ringrazierò sempre i miei genitori per aver avuto una mentalità così aperta da permettermi di essere stato tra i pochi ragazzi a frequentare quel corso agli albori della carriera scolastica. In effetti ripensandoci adesso, non ricordo quasi più come si studiava prima! E’ stato in questo momento che ho messo le basi per la creazione delle decine di mappe che avrei fatto in seguito.

Gli anni del liceo passavano senza intoppi. In seguito, grazie al supporto ed alla professionalità del mio “maestro” e amico Mauro Cantoia (istruttore del centro di CT), che mi ha orientato nella scelta della facoltà facendo una valutazione delle mie attitudini, ho potuto trasformare in realtà la mia determinazione ad entrare alla Bocconi di Milano. Ho infatti svolto una preparazione ad hoc basata sullo svolgimento dei test di accesso all’università, seguita dalla contestualizzazione e memorizzazione di ogni singolo errore che commettevo durante le simulazioni dei test.

Trasferitomi 5 anni fa, sono entrato in contatto con lo splendido centro di Milano e: “città che vai, tutor che trovi”, insieme al mio tutor Roberto Ciccione, ho puntato a nuovi risultati. In particolare, stavolta, mi sono concentrato sull’organizzazione e gestione efficace del tempo, tramite piani settimanali e master plan. Sono così stato in grado di concludere la laurea triennale in Economia aziendale e Management senza alcun problema. 
A coronamento di questo percorso mi sono trasferito a Roma per una bellissima esperienza di stage al Parlamento della Repubblica Italiana durante la quale ho collaborato con i Senatori Questori.

Nonostante una gratificante proposta di lavoro pervenutami da loro, ho scelto di ritornare alla Bocconi per continuare a studiare e formarmi iniziando la specialistica in Management. Adesso, dopo due anni, sto scrivendo la tesi che concluderà il mio percorso di studi. Nel frattempo, ho anche iniziato a lavorare per una azienda multinazionale anglo-tedesca nel settore del largo consumo.

Sono sempre stato volenteroso e focalizzato sui miei obiettivi, ma le tecniche mi hanno permesso di aumentare la mia efficienza e di risparmiare un sacco di tempo e fatica. Queste ultime agiscono da grande amplificatore che libera le potenzialità che sentiamo essere dentro di noi, ma che per qualche motivo non riusciamo ad esprimere.

Per concludere, l’osservazione più attenta che posso fare, in qualità di “corsista anziano”, è che le tecniche sono strumenti potenti ma pur sempre strumenti. Quello che per me ha fatto la differenza è stato frequentare questo ambiente che ha qualcosa di magico e stimolante, con in più un qualcosa di tanto profondo, quanto difficile da spiegare. Personalmente ho imparato a coltivare la mentalità che ho tratto da esso e che ancora oggi mi guida verso i nuovi risultati che mi prefiggo ogni giorno.
A chi non ha ancora scelto di mettersi in gioco, dico: “io non so cosa c’è per voi alla fine del vostro percorso con Genio, so però che troverete quello di cui avete bisogno. Non vi resta che gettare il cuore oltre l’ostacolo e andarvi a prendere ciò che vi meritate”.


Studio Comunicazione tecnologie e culture digitali, ho fatto il corso Genio in 21 giorni a Roma ad aprile.
Ho deciso dopo un po’ di tempo di iniziare il corso perché avevo un gran bisogno di un metodo di studio efficace, sono una di quelle che trascriveva il libro dieci volte e stava mesi per preparare un esame e non mi sentivo comunque mai sicura, ottenevo risultati buoni, però passavo la maggior parte del tempo rinchiusa in biblioteca o in casa, tanta era la mia ansia di non riuscire.

Già tre settimane dopo il corso ho fatto un esame, ed ho preso 29!!, che avevo tentato già due volte con scarsi risultati uno di quegli esami che sogni pure la notte e questo mi ha dato una carica pazzesca!! Ed ora a distanza di due mesi dal corso ho fatto il primo esame del secondo semestre un tema scritto( #ilmiopiugrandeNEMICO) di Scienze Politiche e sono riuscita a prendere 27 e non c’è bisogno di dire che ero al settimo cielo!
Quello che posso dire è “Ragazzi volere è potere” e con il giusto metodo di studio niente è impossibile per davvero!! E io devo ringraziare tutto il team di Genio in Particolare Sofia Anna Lo Presti, la mia tutor, per avermi dato questa grande opportunità di migliorare non solo il mio metodo, ma anche il modo di affrontare lo studio .


Ho 20 anni e sono al primo anno di fisioterapia alla Federico II di Napoli. Ho superato tutti gli esami del primo semestre con una media del 25.

Nulla di preoccupante fin qui, ma ho scelto di frequentare il corso perché impiegavo molto tempo per studiare, a volte giornate intere facendo delle rinunce, passando i Sabato sera a casa e per di più non ricordavo nulla di quanto fatto una volta archiviati gli esami: non è affatto un buon traguardo per una persona che studia fisioterapia e non ricorda nulla di anatomia.


Mi sono iscritto ad Aprile, all’inizio ero titubante e avevo un po’ paura, ma tutte le ansie e le paure si dissiparono alle 20:30 della Domenica, ultimo giorno di corso, quando tornai a casa diverso, nuovo, migliore, con la sicurezza che quello che avevo appreso mi avrebbe aiutato a brillare all’università come nella vita.


Oggi sono fiero di scrivervi i miei primi risultati: tre 29 rispettivamente in psicologia dello sviluppo, psicologia del lavoro e diritto del lavoro, un 28 in psicologia clinica e un 30 in economia applicata.
Ho ottenuto questi risultati studiando 3 ore al giorno includendo nel mio master plan la cura del mio corpo: ho ripreso a correre e fare esercizi di calisthenics.
Sono fiero di me e sento che anche i miei genitori lo sono.
Grandissimo merito va anche alla mia tutor Rossella Bisogno che mi è stata vicino ora con consigli ora con richiami per spingermi a fare sempre meglio. Ora alla fine delle sette ore previste dal contratto so di aver trovato in lei non solo qualcuno che sarà sempre pronto a rispondere ad ogni mio problema didattico, ma anche un’amica.


Studio lingue all’università di Verona e dopo aver partecipato al Genio ad Aprile volevo rendere tutti partecipi della mia esperienza:

i motivi che mi hanno spinta a partecipare al corso sono quegli obiettivi che qualsiasi studente cerca: ridurre i tempi del mio studio, migliorare la memoria, soprattutto sui dettagli e le parole tecniche, velocizzare il più possibile la mia lettura.

Lo studio che ho fatto fino allo scorso Aprile era un processo lento e macchinoso, privo di creatività e noioso, quello che viene insegnato a tutti durante gli anni della scuola dell’obbligo; mi portava via ore della giornata che avrei potuto passare a coltivare altre passioni, oltretutto non ottenendo risultati stellari considerata la mole di tempo passata sopra ai libri. Un altro mio grande scoglio è sempre stata l’ansia, terrificante compagna di anni di scuola.

Passato il weekend del Genio i miei pomeriggi si sono completamente rivoluzionati: le ore di studio sono drasticamente diminuite, la mia concentrazione è maggiore, la noia non è più un problema, anzi, studiare è diventato quasi un divertimento. Grazie alle tecniche che mi sono state insegnate ho smesso di riassumere e ripetere all’infinito, e soprattutto, anche se ho passato meno ore sui libri, sono arrivata all’esame calma e con la certezza di sapere ciò che era necessario per fare un’ottima prova, arrivando per giunta con molta meno ansia di quanta ne avessi sperimentata fino a quel momento.

Le parole chiave all’interno delle mappe sono diventate le mie migliori amiche per ricordare passaggi e trame di libri che ormai sono dimenticati dall’intero genere umano. Non riesco neanche ad avvicinarmi al pensiero di riassumere capitoli e capitoli, pagine e pagine di informazioni…

Per questo voglio ringraziare Stefano Vecchi, l’istruttore del corso di Verona, tutti i tutor e gli allievi che ci sono stati accanto e si sono fatti carico dei nostri dubbi nel weekend ma soprattutto il magico Fabio che è stato un tutor paziente e in gamba.


Sono un ragazzo di 23 anni, studio Scienze della comunicazione all’Università degli Studi di Pavia e sono al 2° anno. Mi sono iscritto al corso Genio per velocizzare lo studio e non restare indietro con gli esami.

Prima del corso infatti mi distraevo molto facilmente, ero lento a studiare e avevo una pessima organizzazione delle tempistiche di studio, qualsiasi pretesto era buono per lasciar perdere i libri!

Questo mi portava a dare al massimo 2 esami a sessione con la media del 19. Provavo a farne anche altri, ma senza successo, infatti ero rimasto indietro con gli esami!

Dopo il corso, soprattutto grazie al rilassamento, alle tecniche per aumentare l’attenzione sul testo e alla lettura veloce sono migliorato nelle tempistiche di studio, ho cominciato ad avere molto più interesse verso gli argomenti che studiavo e ho velocizzato la preparazione degli esami in generale.

Questo mi ha portato a dare 4 esami in una sessione (Sociologia, Etica, Opinione Pubblica ed Economia)mentre prima per preparare un solo esame avevo bisogno di 2 mesi, alzando la media da 19 a 24.

Adesso sono pronto per la sessione estiva e mi sento molto più sicuro e sereno rispetto a come ho vissuto il periodo degli esami l’anno scorso.

Ringrazio la mia tutor Maria Stella Macchetta per il supporto costante, il mio istruttore Giovanni Broccio e tutto lo staff della sede di Pavia!


Sono una studentessa fuori corso di Lingue, letterature e culture moderne all’Università di Padova.

Quando ho iniziato l’università nel 2010 ero entusiasta, perché le lingue mi sono sempre piaciute. Ma in questo corso le lezioni di lingua erano poche rispetto a tutte le altre materie. Il metodo che usavo per studiare era mettere per iscritto le registrazioni delle lezioni e poi leggere e ripetere tutto il materiale che avevo. A un certo punto non ce la facevo più e gli esami avevano cominciato a diventare delle montagne insormontabili. Dato il blocco a cui ero arrivata, avevo scelto di prendermi un anno di pausa per capire qual era la cosa migliore da fare. Avevo quasi preso la decisione di interrompere gli studi definitivamente, quando una sera di maggio 2017 ho assistito alla presentazione del corso “Genio in 21 giorni”. Quella sera ho capito che potevo dare una svolta alla mia vita, ho scelto di darmi un’altra opportunità.

Ho frequentato il corso a ottobre 2017. Da quel momento, una volta apprese le tecniche giuste, non ho più avuto bisogno di applicare il metodo leggi e ripeti che usavo prima. Sono riuscita a fare cose che prima ritenevo impossibili per me:

-leggere e memorizzare più velocemente: da 7 pagine in mezz’ora a 13 (in lingua francese!)
-cambiare l’emozione rispetto allo studio: da pesante e negativa a leggera e positiva
-colmare delle lacune in inglese sia di grammatica sia di lessico
-fare un esame di letteratura francese studiando 50 minuti al giorno per 1 mese 400 pagine, risultato: 27!

Nonostante faccia 2 lavori riesco a essere più libera, perché sono molto più organizzata soprattutto nello studio. Per questo vivo il momento dello studio in modo diverso: so fin dall’inizio quando finirò, così non devo più rimanere a studiare per tutto il tempo che ho a disposizione.

Per tutto questo ringrazio le persone che mi hanno seguito e aiutato, in particolar modo Ilaria Agostini, Rebecca Pilotto, Maria Gabriela Marrero Tommasi e Selene Polli.


Sono una studentessa universitaria e frequento il primo anno di Biotecnologie all’Università degli studi di Firenze.
Ho frequentato il corso Genio in 21 giorni a gennaio 2018.

Il mio principale obiettivo era quello di conciliare studio e tempo libero senza rinunciare né all’uno né all’altro, studiando in maniera efficace e ottenendo buoni risultati, dato che ho deciso di affrontare il test d’ingresso per la facoltà di Medicina, che anno scorso non ho passato per pochi punti.

Dal giorno successivo alla fine del corso, sono cambiate molte cose riguardo al mio approccio allo studio. Innanzitutto, ho cominciato a prendere appunti a lezione solo ed esclusivamente con le mappe mentali, velocizzando tantissimo il tempo di scrittura e scrivendo tutto ciò che il professore spiegava, non perdendo la concentrazione. Il fattore principale è che prendendo le mappe a lezione a casa devo solo memorizzarle.

Ogni mappa la memorizzo in una 20ina di minuti.

Prima del corso prendevo appunti e a casa li riscrivevo, perdendo così tanto tempo, cioè per una lezione venivano fuori 6/7 pagine di appunti e le studiavo in più di un ora, mentre con le mappe riesco a memorizzare una sola mappa al cui interno ci sono 10 pagine in 20 minuti.

Questo mi ha permesso di non rimanere indietro e di avere una visione di insieme migliore.

Tra 2 settimane finiranno le lezioni, e io sono in pari con le materie che seguo avendo avuto anche il tempo da marzo (inizio del semestre) ad ora di dedicare tempo per la preparazione del test d’ingesso a medicina di settembre.

Amando memorizzare tutti i dettagli, alle superiori passavo pomeriggi a ripetere per ricordare tutto, mentre ora con il metodo imparato al corso posso ricordare con molta facilità tutto quello che mi serve avendo tempo per fare tutte le cose che voglio e di coltivare i miei hobby, le mie amicizie e stare con la mia famiglia.

Ho imparato ad organizzare meglio la mia giornata evitando momenti morti.

Il mio obiettivo è ovviamente quello di terminare gli esami ed entrare a medicina. Non vedo l’ora di poterlo condividere su questo gruppo.


Sto frequentando la scuola per diventare Infermiera HF in Svizzera tedesca.
Prima di frequentare il corso ci mettevo veramente tanto a studiare, stavo ore sui libri facendo fatica a ricordarmi le cose; per questo motivo mi arrabbiavo spesso e me la prendevo pure con chi non c’entrava niente.

Nonostante i miei sforzi, i miei voti erano praticamente sempre sotto la media (esempio: in economia avevo un 2.9 voto svizzero)
Poi decisi di fare questo corso Genio in 21 Giorni e il mio livello di apprendimento salì: le cose me le ricordavo più facilmente e tutto ciò mi fece tornare la voglia di studiare, la serenità e mi divertivo anche.
I miei voti adesso sono perfettamente nella media e addirittura la superano (esempio: economia adesso ho un 4.2 voto svizzero).


I miei responsabili si sono accorti che era cambiato qualcosa, si erano accorti che i miei voti sono migliorati e che pure io come persona sono cambiata: a lezione sono più attenta e attiva, tanto che si sono informati sul corso.
Tutto ciò mi rende orgogliosa e fiera di me stessa…
Grazie a questo corso sono riuscita a chiudere i miei primi studi e ad avere la fiducia in me stessa per continuare con i nuovi studi così da diventare Infermiera. 
Al momento con la mia tutor Sofronia Marza sto imparando l’inglese accanto ai miei studi, memorizzo in 30 minuti più di 100 vocaboli


Sono Flavio e studio all’ultimo anno di liceo scientifico a Lamezia Terme.
Io e lo studio non siamo mai andati particolarmente d’accordo, studiavo più per “obbligo” che per piacere, e questo aveva ripercussioni sulla mia media scolastica.

Con il corso Genio in 21 Giorni ho recuperato la fiducia in me stesso e nelle mie capacità. Studiare é diventato una sfida e non più un obbligo.

La prima interrogazione in cui ho applicato il metodo è stata quella di scienze e chimica, il risultato è stato ottimo, 8 e mezzo in sole 3 ore di studio, quando prima per studiare tutte queste pagine mi preparavo per una settimana intera ricevendo risultati scarsi che andavano dal 7 al 7 e mezzo. Sono riuscito a sintetizzare 60 pagine in solo due mappe e a imparare tutte le formule di biochimica!
Ringrazio il mio preparatore personale Giuliano De Luca per i fantastici risultati che mi sta aiutando ad ottenere giorno dopo giorno


Sono una studentessa di Economia e statistica al primo anno fuori corso.
Ho fatto il corso a Marzo a Torino per poter terminare l’università nel minor tempo possibile.
Prima del corso purtroppo non avevo un metodo efficace e nonostante io me la sia sempre cavata bene impiegavo tantissimo tempo a preparare i miei esami e con il fatto che gioco a pallavolo in serie C e svolgo anche altri lavoretti alla fine mi sono trovata in un batter d’occhio ad essere tremendamente indietro rispetto alle lezioni e con 10 esami da recuperare!


Tutto ciò chiaramente mi procurava una grandissima agitazione e tantissimo stress e alla fine anche il mio rendimento è calato poiché ho iniziato ad accettare qualsiasi voto.
Finalmente ho fatto il corso e la mia situazione è completamente cambiata.
Dopo solo un mese dal corso ho avuto dei risultati pazzeschi e sono passata da studiare 6 pagine di Statistica ( esame di 12 CFU che mi faceva tremendamente paura) in un’ora a studiarne 40!! 


Ora sono assolutamente al passo con le lezioni, prendo appunti con le mappe che memorizzo subito dopo e la comprensione di quello che faccio è nettamente aumentata! So che continuando così arriverò alla sessione esami assolutamente preparata e in grado di recuperare gli esami messi da parte!
Quello che più di tutto mi porto via è la consapevolezza di avere finalmente un metodo efficace e so di essere in grado di preparare qualsiasi tipo di esame in tempo nonostante la mia settimana sia davvero molto piena.
Sono davvero soddisfatta di aver frequentato questo corso perché mi ha dato anche la possibilità di conoscere più me stessa, i miei limiti e dato gli strumenti per poterli abbattere, e soprattutto di poter aumentare le mie potenzialità.
Volevo ringraziare la mia tutor Roberta Alice per tutto l’aiuto e il sostegno che mi sta dando!