Ciao a tutti! Sono una studentessa di fisioterapia e ho frequentato il primo anno in Svizzera.

Prima di frequentare il corso genio quel che più mi risultava noioso nello studio era il dover sottolineare con mille colori i concetti più importanti, ripeterli più volte per poi non ricordare nulla distanza di tempo. La stessa cosa accadeva per i vocaboli stranieri, formule chimiche, dettagli fondamentali di materie scientifiche di cui non potevo fare a meno: credere di averli memorizzati e ben consolidati, ma dopo un bel po’ avere la consapevolezza di non averli fatti miei.

Impiegavo una mole di tempo notevole per ottenere ottimi risultati e ciò mi ha limitato molto nella scelta di fare sport, lavorare.

Dopo aver frequentato il corso ho ottenuto una serie di risultati straordinari: il mio primo anno in Svizzera si è concluso con la media del 28,16 sostenendo tutti gli esami relativi al primo anno senza nessuna bocciatura. Ho imparato a studiare durante le ore di lezione e a revisionare il materiale didattico subito dopo la stessa per poi correggere l’esposizione ed elaborando un gergo tecnico per quella data materia.

Ciò mi ha permesso di lavorare come animatrice presso una ludoteca, seguire serate di formazione, imparare una nuova lingua durante i lunghi e noiosi viaggi in treno ed avere una vita sociale serena ed appagante. Per di più ho iniziato un nuovo programma di allenamento con fine competitivo.

Successivamente ho avanzato la richiesta di trasferimento dall’ateneo di Chiasso all’Università di Napoli: i posti disponibili erano 12, e su 42 persone mi sono posizionata terza in graduatoria. La media e il numero di esami sostenuti, inclusi quelli facoltativi, hanno fatto la differenza facendomi posizionare tra i primi posti. Un grazie particolare va a Mila Di Nardo che è stata al mio fianco e mi ha guidata in ogni piccola vittoria.


Frequento il quarto anno al liceo linguistico .

Sono sempre stata molto lenta nello studio e questo non mi faceva sentire all’altezza dei miei compagni.

Per di più mettendoci così tanto tempo non potevo dedicarmi alle mie passioni.
Cercavo di rimanere in pari con le lezioni ma lasciavo sempre indietro qualche materia e per questo provavo tantissima ansia, che aumentava con l’avvicinarsi delle interrogazioni.

A sole tre settimane dal corso Genio in 21 Giorni a Milano, studio nella metà del tempo e posso dedicarmi a tutte quelle cose a cui ho sempre rinunciato, come passare più tempo con la mia famiglia.

La cosa più bella è che sono in pari con il programma di tutte le materie soprattutto grazie alle mappe mentali che prendo direttamente durante la lezione e questo mi fa sentire molto più serena.

È quasi assurdo per me da dire ma non vedo l’ora che inizino le interrogazioni per mettermi alla prova!


Ciao, ho 24 anni e studio giurisprudenza a Roma, alla facoltà di Roma tre. Sono al quinto anno, ho la media del 27.5 e a dicembre mi laureerò.

Sono sempre stata ambiziosa nella vita e, infatti, anche nello studio ho sempre puntato ad impegnarmi al massimo per mantenere una media alta e non rimanere indietro con gli esami. Allo stesso tempo, però, mi mancava l’organizzazione per poter raggiungere i risultati che mi prefissavo in maniera ottimale. Molte volte, infatti, iniziavo a studiare a ridosso degli esami e per poter prendere voti soddisfacenti mi stressavo tantissimo, ma non sempre riuscivo ad ottenere i voti alti che desideravo.

Lo scorso maggio ho anche rinunciato ad un weekend fuori con le mie amiche per concentrarmi sulla preparazione di un esame per me particolarmente ostico ( scienze delle finanze ) senza riuscire, comunque, a superarlo. Questo fatto mi ha creato una sensazione di frustrazione estrema che non mi ha più consentito di affrontare l’esame per vari mesi.

Dopo aver fatto il corso Genio in 21 giorni lo scorso luglio ho immediatamente usato il metodo di studio appreso preparando due esami in 6 giorni ( storia del diritto pubblico romano e diritto sportivo ) prendendo 28 ad entrambi. Sono rimasta incredibilmente soddisfatta da questi risultati e non solo per il fatto che mi è stato possibile ridurre molto le tempistiche di studio senza rinunciare ad ottenere ottimi voti, ma soprattutto perché per la prima volta nella mia carriera universitaria mi sono sentita sicura del mio ricordo.

La nuova sicurezza si è manifestata anche nell’esposizione e ne ha beneficiato moltissimo anche il mio atteggiamento, ora estremamente più positivo. Al primo appello di settembre, ho affrontato scienze delle finanze con una serenità e una calma che mi hanno permesso ottenere finalmente una votazione sufficiente. Ora sto scrivendo la tesi in diritto penale e non ho più, in nessun caso, la sensazione di non poter raggiungere i miei obiettivi.

Voglio concludere ringraziando la mia preparatrice personale Elena Sofia che oltre ad essere una grande motivatrice a livello professionale è anche e soprattutto una grande Donna nella vita!


Frequento la facoltà di di Conservazione dei Beni Culturali all’Università di Genova e lavoro come istruttrice di nuoto.
La mia media prima del corso era molto buona ma mancavo di un metodo efficace.
Ogni volta che aprivo un libro era una tortura: troppe pagine e nomi da memorizzare.
Impiegavo mesi e mesi per preparare gli esami facendo riassunti e passando intere giornate chiusa in biblioteca per poi tornare a casa senza aver imparato concretamente nulla.
La settimana prima dell’esame era la peggiore perché,ripetendo, mi rendevo conto di non essere sicura di sapere i concetti e, ovviamente, il giorno dopo averlo dato tutto quello che avevo “memorizzato” lo avevo dimenticato. Tutto ciò era FRUSTANTE.

La mia migliore amica fece il corso Genio in 21 giorni e me ne parlò con così grande entusiasmo che per curiosità e fiducia in lei mi sono iscritta.

La sessione subito dopo aver fatto il corso (iniziata 1 mese dopo) ho dato 5 esami in un mese e mezzo preparandoli in massimo 4 giorni
-Politiche dell’ambiente 30
– Archeometria 30
-Legislazione dei beni culturali 29
– Chimica dei materiali e del restauro 26
– Storia della fotografia con elementi di catalogazione 26

Grazie a Genio ho raggiunto il mio obbiettivo: diminuire il tempo che passavo sui libri!
Passare da preparare esami in mesi interi (l’ultimo esame prima del corso “Archeologia e storia dell’Arte greca e romana” l’ho studiato in tre mesi) sentendomi ogni giorno che passava sempre più incapace e insoddisfatta a prepararli in pochi giorni (“Storia della fotografia con elementi di catalogazione” l’ho preparato in macchina nel viaggio Genova-Bologna) mi hanno permesso di vivermi l’università non come una corsa ad ostacoli ma come un piacere.
Agli esami vedo i miei compagni che si dimenano disperati tra le pagine dei libri per ripassare mentre io, con le mie mappe coloratissime, riesco a richiamare con facilità ogni argomento sentendomi, davanti al professore, più serena e sicura di me.
Questo diverso approccio allo studio e i risultati ottenuti mi hanno permesso di essere più convinta delle mie capacità e di godermi appieno il tempo libero che passava tra il mio studio e il mio lavoro.

Oggi vivo a Valencia, ho vinto una borsa di studio per frequentare il terzo anno in Erasmus.
Grazie alle tecniche in 7 giorni ho memorizzato 893 parole di spagnolo: ad ora non so ancora parlare alla perfezione la lingua ma riesco a comunicare e, conoscendo una buona quantità di parole, ad apprenderla più velocemente.
Voglio ringraziare il mio istruttore Davide Mura per avermi aiutato e seguito in questo percorso.
Sono certa che aver frequentato il corso sia una delle scelte migliori che avessi potuto fare.


Ciao a tutti! Sono renato , ho 22 anni e ho appena iniziato il quarto anno alla facoltà di Medicina e Chirurgia della Luigi Vanvitelli di Napoli.

Non ho mai avuto problemi con lo studio o con gli esami, ma quando ho saputo del corso genio in 21 giorni non ho potuto fare altro che prenderne parte. Nei mesi successivi al corso ho preparato Fisiologia e Microbiologia , superandoli entrambi con 27. Prima ci avrei messo almeno 4 mesi per prepararli , confrontandomi anche con i miei colleghi, mentre dopo il corso ,in 2 mesi , avevo già raggiunto un’ottima preparazione

Oltre al vantaggio in termini di ore di studio ho soprattutto affrontato questi scogli con maggiore serenità.

Non è una bacchetta magica ne la formula per la felicità , ma le abilità apprese al corso e una buona dose di determinazione mi hanno permesso di raggiungere risultati mai nemmeno immaginati.

Le ore con il tutor sono state di fondamentale importanza , ma ancora di più la volontà di fare di più e meglio (senza la quale non si fa nulla).

Lo consiglio assolutamente a tutti , è un’opportunità da non lasciarsi scappare .


Sono una studentessa al primo anno di magistrale di Languages for Communication in International Enterprises and Organizations di Modena.

Sono sempre stata una ragazza ambiziosa e studiosa, dedicavo molto tempo allo studio, soprattutto i giorni prima di un esame, in cui facevo dei mega ripassi, arrivando sfinita al grande giorno.

Spesso capitava che dovessi rinunciare ad uscire con gli amici per rimanere a casa a studiare o ripassare per paura di non riuscire a prepararmi al meglio per un esame. Sono anche stata costretta ad abbandonare la mia più grande passione: il ballo, perché non avevo il tempo materiale per praticarlo.

Prima del corso mi ponevo molti limiti, tra cui quello di imparare il tedesco. Nonostante non l’avessi mai studiato pensavo fosse troppo difficile e di non esserci portata.

Dopo il corso Genio in 21 Giorni ho finalmente imparato un metodo che ha rivoluzionato non solo la mia vita accademica, bensì anche il modo di vedere l’apprendimento. Grazie alle tecniche apprese durante il corso ho memorizzato 500 vocaboli di tedesco in poco più di due settimane ed è stato un vero e proprio piacere. Ho capito che non esiste la frase “non sono portata”, bensì “ho bisogno di un metodo valido”. Mi sono divertita e allo stesso tempo messa in gioco, iniziando la magistrale infatti ho deciso di seguire due corsi di tedesco di cui uno non per principianti assoluti e grazie ai vocaboli memorizzati sono stata in grado di seguire le lezioni e perfino di intervenire, suscitando lo stupore della professoressa, la quale sapeva che partivo da zero.

Sono davvero soddisfatta di questi risultati, prima del corso non mi sarei mai sognata di avventurarmi in una lingua come il tedesco da autodidatta, figuriamoci all’università! Inoltre, riprenderò anche ballo, dato che mettendoci meno a studiare riesco a dedicare il resto del tempo ai miei hobby e alle mie passioni.

Tutto questo è stato possibile solo grazie all’impegno che ci ho messo e agli straordinari strumenti di Genio in 21 Giorni!
Un grazie speciale va al mio preparatore personale Felipe Orrego, che mi ha seguito in tutto e per tutto con grande pazienza e costanza, permettendomi di raggiungere risultati prima ritenuti impossibili e superare i miei limiti sia fisici che psicologici.


Buongiorno a tutti, ho appena superato l’esame di ammissione alla facoltà di medicina a Roma Tor Vergata con 61.3, faccio nuoto a livello agonistico con allenamenti di 2/3 ore al giorno dal lunedì al sabato e spesso la Domenica ho gare .

Ho frequentato genio in 21 giorni a marzo del 2017 e mi ero diplomato già da un anno al liceo scientifico De Giorgi di Lecce.

In particolare l’ultimo anno facevo doppio allenamento, alle 6 del mattino ed alle 15, quindi prima e dopo scuola, ero pronto per studiare alle 20 e si e no dedicavo un’oretta ai compiti, riuscendo ad avere una media alta ed uscire con 90 alla maturità, quindi non ero di certo uno studente con problemi organizzativi o di studio, tutt’altro.

E la domanda nasce spontanea, perché ho scelto di frequentare il corso genio in 21 giorni?

Semplice, l’ho fatto per ambizione!

Abituato a gareggiare a livelli molto alti ero portato a pensare sempre di voler essere il numero uno non solo in piscina ma anche in tutto il resto: si, avevo ottimi risultati ma pensare di avere del tempo da dedicare agli amici, alla chitarra, pensare di avere un metodo che mi avrebbe reso il numero uno all’università mi ha convinto che questa era la giusta scelta per me, soprattutto perché il mio grande sogno era quello di superare i test di ammissione alla facoltà di medicina e chirurgia che, come molti sanno, richiedono una forte preparazione.

In molti quando hanno saputo che stavo facendo un corso riguardante un metodo di studio avanzato mi hanno preso in giro dicendomi che questi corsi sono solo per sfigati e per persone con deficit mentali. Peccato che, come ho già raccontato, non fosse affatto il mio caso, ed ora vi racconto del mio ultimo grande risultato!

In poco meno di un mese ho studiato con le mappe mentali tutta la teoria e memorizzato molte formule e concetti per il test di medicina, quindi materie come biologia, chimica, matematica e fisica.
Dopodiché mi è bastato ripassarle e fare molti molti esercizi per raggiungere il mio obiettivo e realizzare il mio sogno!

E il bello deve ancora venire!

Per raggiungere questo risultato devo ringraziare il mio istruttore nonché tutor Salvatore de Tommaso, che mi ha supportato in tutto il mio percorso.


Ciao, sono laureato in design degli interni al politecnico di Milano e, recentemente, ho conseguito l’attestato regionale di competenza come operatore di Tatuaggi e Piercing.

Prima del corso Genio in 21 giorni Il mio modo di approcciarmi allo studio era spesso faticoso e noioso, contando all che il fatto che negli ultimi anni all’università la parte teorica era molto ridotta rispetto alla pratica, quindi anche L’abitudine allo studio come poteva essere ai tempi del liceo si era andata perdendo col tempo.

Grazie al corso Genio in 21 giorni durante il corso regionale mi sono trovato a studiare una serie di lunghe e spesso confusionarie slides verso le quali ero abbastanza indisposto, tuttavia con le tecniche sono a riuscito non solo ad imparare le nozioni dal punto di vista teorico ma anche “comportamento” per quanto concerne la professione del tatuatore.

Ma un altro fattore che mi preme sottolineare è il fattore motivazionale intrinseco nel corso stesso, che a parer mio è il valore aggiunto fondamentale di questa esperienza e che, per quanto mi riguarda, a soli due giorni dal conseguimento del diploma mi ha portato ad essere preso come apprendista in uno studio.


Ciao a tutti! Frequento il quinto anno di liceo linguistico e ho scelto di fare questo corso per migliorare a scuola, in particolare perché ero stanca di studiare ore ed ore senza poi ricordarmi niente a fine giornata.

Sono sempre stata una persona molto ansiosa quindi avevo bisogno di migliorare anche sotto questo aspetto.

Ad oggi, dopo vari incontri con la mia tutor e grazie alle tecniche, ho ottenuto evidenti miglioramenti: per prendere appunti sto utilizzando le mappe, che mi permettono di ridurre di tantissimo tempi di studio a cui ero abituata prima e a ricordarmi molte più cose, inoltre sono riuscita a diminuire di molto l’ansia, che spesso, prima del corso, mi impediva di ottenere i risultati che volevo. Un’ altra cosa che ho trovato estremamente utile è stata la tecnica su come memorizzare i vocaboli di lingue straniere, che fin’ora ho applicato principalmente ai vocaboli di tedesco.

La cosa bella é che ho ancora un ampio margine di miglioramento, infatti grazie ai cicli di studio svolti correttamente, potrò arrivare a raggiungere tutti i miei obiettivi con molta più facilità! Ringrazio tutti quelli che mi hanno aiutata durante il corso, in particolare la mia tutor Silena.

Questa per esempio è una mappa che ho fatto per prendere appunti di filosofia a solo circa una settimana dal corso, della quale mi ritengo molto soddisfatta


Ciao a tutti, sono un Trainer di Allenamento Funzionale Italia e uno studente del secondo anno di Scienze Motorie.
I primi mesi di università sono stati molto duri: lo studio prendeva tutti gli spazi liberi che il lavoro mi lasciava, compromettendo, cosí, i miei allenamenti e la mia vita sociale.

Quando al mattino aprivo gli occhi le sensazioni erano sempre particolarmente negative in quanto ero già preoccupato di non riuscire a fare tutto nell’arco della giornata, nonostante avessi ridotto le ore di sonno al minimo. Arrivavo, inoltre, agli esami stanco e poco sicuro e spesso in ritardo a lavoro.

Avevo dimenticato cosa significasse passare del tempo con la mia famiglia, ero continuamente frustrato e nervoso tanto che per alcune settimane iniziai a pensare di mettere da parte i miei allenamenti.. prova ad immaginare cosa significa per chi vive di sport fare questo, solo il pensiero mi trasmetteva paura e tensione alimentando, così, ancora di più tutte le mie emozioni negative.

Ma il peggio era che mi consideravo completamente negato per le lingue straniere e quando fai un lavoro dove è richiesto un continuo aggiornamento anche e sopratutto all’estero questo può gravare negativamente sulla tua carriera.
Così un giorno mi chiesi:-“esiste un modo per riuscire ad ottimizzare i propri tempi? Riuscire a lavorare e studiare insieme senza trascurare il resto? “-.

Fu così che conobbi il corso che frequentai a Giugno 2017.
Oggi grazie al metodo studio in media 2 ore al giorno esclusi i weekend, ho aumentato le mie ore a lavoro e riesco a gestire la mia giornata al meglio. A lavoro riesco addirittura a leggere libri e da poco ho iniziato la memorizzazione dei vocaboli inglesi che mi porterà presto ad imparare la mia prima lingua con il metodo. Non provo più emozioni negative e appena sveglio sono consapevole che riuscirò a fare tutto ciò stabilito senza problemi; quando vado all’Università per un esame non sono preoccupato e so che porterò a casa un grande risultato.

Dopo 4 giorni dal corso preparai l’esame di Biochimica (9CFU) suparato con 23, 7 giorni dopo diedi l’esame di Psicologia dello sport (6CFU), preparato in 6 ore e superato con 30, e 2 settimane dopo il corso preparai l’esame di Anatomia (15CFU) in 4 giorni, superandolo con 30.

Quando parlai ai miei amici e conoscenti del programma da fare in 4 giorni per raggiungere l’obiettivo di studiare Anatomia in pochi giorni venni deriso e criticato ma in me ormai c’era e c’è la sicurezza di cosa mi ha dato il corso e soprattutto la fiducia trasmessa dalla mia preparatrice personale Irene Caruso che ringrazio. A questo va aggiunto il miglioramento della mia condizione lavorativa e di vita e adesso non provo più preoccupazione per “il poco tempo”, riesco ad allenarmi 4 volte a settimana, a stare più tempo con la mia famiglia e a concentrarmi su tutti gli ambiti che prima del corso avevo allontanato.