Sono Irene Ghisio e ho dato 14 esami in 5 settimane.

Prima del corso non avrei mai immaginato di riuscire a sostenere degli esami universitari e sentendo come l’università era descritta mi spaventava. Non vivevo bene lo stress e l’ansia, anzi pensavo proprio che l’università non fosse il mio posto.

Il mio vecchio metodo consisteva nel leggere e ripetere fino all’esaurimento e comunque non ero mai soddisfatta a pieno dei voti che prendevo a scuola. Facevo tanta fatica per ottenere dei risultati mediocri. 
Ecco perché avevo paura dell’Università: sarebbe stata solo una vita di sacrifici.

Dopo il corso è cambiato tutto. Per prima cosa ora ho la certezza di ricordare tutto ciò che studio compresi i dettagli (anche in esami come anatomia) e portare tutto a lungo termine. Poi ho imparato a organizzarmi e questo mi ha permesso di studiare più materie insieme.
Ora mi rendo conto che passare gli esami è facile se si sa come fare!

Gli esami che ho dato e passato in queste cinque settimane sono:

•Scienze infermieristiche preparato in UN GIORNO
•Anestesiologia in DUE ORE
•biologia in UN GIORNO
•Chimica e biochimica in TRE GIORNI
•Statistica in UN GIORNO E MEZZO
•Informatica in DUE ORE
•Genetica in DUE ORE
•Anatomia in DIECI GIORNI
•Medicina legale in UN GIORNO
•Fisica in TRE GIORNI
•Fisiologia in DUE GIORNI
•Radioprotezione in UN GIORNO
•Medicina del lavoro in UN GIORNO
•Farmacologia in CINQUE GIORNI

Se me lo avessero raccontato prima del corso, non ci avrei mai creduto. 
Non ho mai rinunciato a nulla durante queste settimane e soprattuto l’ho vissuta con serenità totale, cosa mai successa prima, dato che ero una persona molto ansiosa e insicura!

Auguro a chi è un po’ scettico (come ero io) di darsi un’opportunità perchè tutti possono ottenere questi risultati con il giusto metodo.


Sono al primo anno di lettere antiche all’università di Perugia.
Sono sempre stata una studentessa precisa e meticolosa e sono sempre andata bene ma questo ha richiesto tempo, energie e dedizione. Spesso ho dovuto sacrificare uscite o pomeriggi di svago per rimanere a casa tra i libri, mal volentieri e tutto questo ha creato molto stress nella mia vita.
Ho deciso di frequentare il corso dopo averne sentito parlare all’Università. Non nego che all’inizio ero molto scettica e anche convincere i miei genitori non è stato facile.

Ma ora, a due mesi di distanza dal corso ho ridotto i tempi di studio, non ho più bisogno di fare mille schemi riassuntivi e le mappe mentali mi permettono di racchiudere tante pagine in pochi fogli, senza dover sempre ritornare indietro, ma (cosa ancor più bella) riesco a ricordare perfettamente le date che prima dimenticavo sistematicamente!

Ciò mi ha permesso di ottenere ottimi risultati:
-esame di letteratura italiana (preparato in 4 settimane) in cui ho preso 28
-esame di glottologia (preparato in 2 settimane) in cui ho preso un altro 28

Oggi mi alleno, lavoro ogni tanto, do ripetizioni e riesco a trovare spazio per fare ciò che amo e stare con le persone che amo e studiare non è più un peso ma è divertente e stimolante.
Perciò ringrazio i miei genitori per avermi appoggiata e accompagnata durante tutta quest’esperienza, grazie a Laura Giagu per avermi messo a conoscenza di questa opportunità e grazie a Marina Modesti per essere stata sempre disponibile e così attenta nei miei confronti, senza di voi non sarei qui.


Sono una studentessa dell’ultimo anno di giurisprudenza.

Ho sempre studiato con il metodo classico (leggi e ripeti) senza però mai essere completamente soddisfatta del risultato perché stavo molto tempo sui libri e rileggevo più volte. Per preparare un esame impiegavo molto tempo e ciò mi provocava uno stato d’ansia.

Un esempio è stato l’esame di diritto del lavoro per il quale ho impiegato più di un mese, vivendola con ansia. A dicembre ho frequentato il corso genio in 21 giorni e sono riuscita a migliorare di tre volte le mie capacità di studio e comprensione, tanto da aver potuto recuperare un esame che mi ero lasciata indietro, cioè diritto dell’Unione Europea, preparato in cinque giorni con molta tranquillità e stranamente l’ ansia era sparita(voto 26). Ora voglio continuare ad applicare questi metodi per migliorarmi e ottenere risultati ancora più grandi!
Ringrazio particolarmente il mio tutor Francesco che mi ha aiutata e seguita.


Frequento il terzo anno di Ingegneria Chimica e biochimica presso l’università di Bologna.

Ho frequentato il corso Genio in 21 giorni a Marzo del 2017.

I risultati che ho avuto nello studio sono stati sorprendenti e soddisfacenti sin da subito. Il mese successivo al corso ho sostenuto 2 esami in due giorni consecutivi, analisi numerica, di cui non avevo frequentato le lezioni, e il primo parziale di ingegneria elettrica. Da aprile ai primi giorni di ottobre sono riuscita a preparare 7 prove d’esame e intanto lavorare, uscire con i miei amici, andare con regolarità in palestra. Ciò che mi ha permesso di ottenere questo risultato è stata la tranquillità di avere degli strumenti validi nello studio che mi permettessero di avere dei risultati straordinari senza provare la sensazione di ansia e stanchezza.

Con il tempo sono migliorata nell’applicazione del metodo e sono arrivate altre soddisfazioni e voglio condividere il mio ultimo risultato.

Prima del corso facevo fatica a preparare un esame, mi portava via molto tempo ed energia e spesso vivevo uno stato di ansia e tensione.

Queste due ultime emozioni erano mie compagne soprattutto durante gli esami orali.

Ricordo bene la sensazione vissuta in uno dei miei primi esami universitari in cui il professore mentre mi poneva delle domande non riuscivo a concentrarmi poiché ero in uno stato di agitazione e confusione e questo non mi permetteva di richiamare le informazioni nonostante le avessi studiate.

La sensazione provata nell’ultimo esame orale è stata del tutto differente.

Ho sostenuto l’esame di Laboratorio di Principi di ingegneria chimica verbalizzando un 27.

Cio’ che mi ha reso maggiormente felice è come mi sono sentita in quel momento: sono riuscita ad esporre in modo chiaro l’argomento e a rispondere alle domande che mi venivano fatte con tranquillità. Sono stata capace di concentrarmi e sentivo di essere padrona di me stessa e non di essere gestita dall’ansia.

E’ bello notare come a distanza di un anno dal corso il mio percorso è in continua crescita: se prima di apprendere questi strumenti facevo fatica a preparare gli esami e, di conseguenza a superarli, subito dopo sono riuscita a recuperarne molti e ora anche la qualità della mia preparazione sta migliorando poiché ho acquistato una nuova consapevolezza.

Questi risultati sono frutto del mio impegno e delle indicazioni che mi ha saputo dare il mio preparatore personale, Mauro Vittoni.
Le ore di tutoring svolte insieme sono state fondamentali per essere padrona del metodo e per superare le emozioni negative legate allo studio.


Memorizzare 4000 domande per superare un concorso? si può, se sai come farlo!

Piergiorgio Baffi, aspirante vigile del fuoco ci condivide come grazie al corso, è riuscito a memorizzare 4000 domande e risposte per la prima fase selettiva del concorso! Superandola con il risultato di 40/40 anche se lo studio nella sua vita, è sempre stato difficile per diversi motivi!


Sono uno studente della magistrale di Architettura di Parma all’ultimo anno. Ho fatto il corso Genio in 21 giorni a Bologna ad ottobre 2016 perché ho sempre fatto molta fatica a studiare.

Alle superiori arrivavo sempre all’ultimo perché vedevo lo studio come una grossa fatica e quando mi ci mettevo passavo le notti sui libri cercando di farmi entrare in testa più cose possibili con mia madre che cercava di aiutarmi in tutti i modi. Alla fine sono riuscito ad uscire con 60.

Mi è sempre piaciuta l’architettura e mi sono iscritto alla triennale di Cesena.
Nel 2016 mi sono laureato, ma la mia voglia di mettermi sui libri era arrivata sotto le scarpe! Tanto che in quel periodo ero indeciso se fare la magistrale oppure cercare un lavoro.
Poi ho fatto il corso Genio in 21 Giorni perché volevo una soluzione che mi permettesse di riscoprire la mia voglia di imparare e li ho capito che non ero io il problema, ma il mio metodo!

Dopo il corso al primo anno di magistrale 
– ho vinto il workshop di progettazione “Between the City and the Sea” organizzato a Valencia dalle due università 
– ho dato 5 esami di cui 4 laboratori

Al secondo anno 
– 30 in economic evaluation of plan and project
-‎ 30 in Social impact of mass media and advanced technologies 
– ‎29 in Innovative and sustainable technologies in architectural design.

La cosa che mi rende più felice però non sono solo i voti, ma il fatto che posso dedicarmi a fare quello che voglio per il mio futuro. 
Infatti a gennaio ho iniziato anche a lavorare in un’azienda di consulenza e quindi oltre che a studiare con profitto ora riesco anche ad avere delle entrate economiche che mi permettono di essere più autonomo di prima!

Prima decidevo se studiare o lavorare, ora studio, lavoro e ho anche tempo da dedicare a ciò che mi piace!


Frequento il quarto anno delle scienze umane e ho scelto di partecipare al corso di Genio in 21 Giorni per diminuire il tempo dedicato allo studio.

Prima mi riducevo sempre all’ultimo momento, tenendo la testa sui libri per almeno 7 ore al giorno. Mi sentivo stanca, ma soprattutto annoiata e non provavo alcun interesse per quello che studiavo ma lo facevo solo perchè sentivo il dovere di farlo, senza volontà, quasi come un’automa, perdendo così ogni interesse verso lo studio.

Oggi sono organizzata!
Studio al massimo due ore al giorno. Mi fa sentire bene, benissimo! La sensazione di noia & pesantezza sono svanite e io mi sento… più leggera! Non mi sembra più di avere qualcuno che tiene la mia testa con forza sui libri, ma ho ritrovato interesse per le mie materie di studio, aiutandomi a migliorarne i risultati.

Innanzitutto matematica che era il mio tallone d’Achille; prima arrivare alla sufficienza era un miracolo ora non ho alcun problema a prendere un bel 7. O storia dell’arte sono arrivata al tanto agognato 10 e non solo lì! Ma anche in italiano, da 7 a 10!

Insomma, sono entusiasta e non riesco a smettere!
Come esperienza si é rivelata a dir poco fantastica, non solo aiutandomi a superare i limiti che io stessa mi ero posta, ma facendo rifiorire in me quell’amore per studio che credevo ormai appassito.


Sono una studentessa al terzo anno di giurisprudenza: ho sempre avuto una media alta, dedicando però allo studio giornate intere (dalle 8 di mattina alle 8 di sera).
Questo mi faceva sentire stressata, per il poco tempo che riuscivo a ritagliarmi per me, e insicura.

Poi un giorno un amico mi ha parlato del corso Genio in 21 giorni, e ho scelto di frequentarlo per cercare di velocizzare il mio studio e diminuire l’ ansia prima degli esami: da quel weekend di settembre sono cambiate totalmente le mie tempistiche di studio, oltre al mio modo di vivere le settimane prima dell’ esame.

Ecco qualche risultato ottenuto con il nuovo metodo:
– idoneità di diritto privato, per la quale in passato avrei studiato una 50ina di ore, ottenuta con uno studio di 5 ore;
– diritto civile 28;
– informatica giuridica 30;
– international law, che avevo già provato quest’estate, 27;
– diritto canonico 30, dopo aver rifiutato un 27 che ero certa di poter alzare.

Mi sono trovata a riuscire a preparare per dicembre questi 4 esami contemporaneamente (cosa che prima non avevo mai fatto), e soprattutto dedicando allo studio una media di 3/4 ore al giorno.

Ora mi sento molto più tranquilla (e si può ancora migliorare), perché sono consapevole che le cose che ho studiato le ho capite veramente, e ora so come organizzarmi per affrontare l’ università al meglio.

Ringrazio tantissimo la mia tutor Sofia Ghirlandi che ha da subito capito di cosa avevo veramente bisogno ed è sempre stata disponibile a darmi una mano!


Sono un’ortottista che si occupa spesso della riabilitazione visiva dei bambini con difficoltà scolastiche di origine visiva.

Conoscendo tutti questi studenti, mi sono interessata sempre di più al mondo dell’apprendimento e a come poterli aiutare ancora di più oltre quello che già facevo per loro.

Quando una mia collega mi ha raccontato del corso Genio in 21 giorni, non credevo che potesse esistere un corso così rivoluzionario, ma ho deciso lo stesso di andare a vedere di cosa si trattasse.

Il giorno della presentazione devo ammettere di essere rimesta stupita dalle potenzialità che iniziavo ad intravedere e mi sono accorta che oltre a poter ottenere strumenti per aiutare i miei piccoli pazienti, avrei potuto migliorare anche i risultati del mio apprendimento che erano calati enormemente dopo la laurea.

In questi anni di lavoro intenso infatti, sentivo che era calata molto la mia velocità di lettura e che anche la comprensione del testo era calata anche a causa della stanchezza con la quale mi approcciavo ai libri per l’aggiornamento… figuriamoci pensare ad un master…

Appena finito il corso ( marzo 2017) ricordo benissimo le mie sensazioni di quasi di poter fare molto di più, sentivo che anche io avrei potuto riprendere a studiare sapendo come poter velocizzare la memorizzazione, la comprensione e la lettura, così da un anno non solo ho più strumenti in mano per aiutare i miei pazienti, ma ho terminato un master sui disturbi di apprendimento praticamente senza fatica e finendo le tesi di verifica sempre con estremo anticipo rispetto ai tempi stabiliti.


Sono una studentessa della scuola di Psicologia a Firenze.
Per motivi lavorativi mi sono dovuta arrendere all’idea che sarei rimasta indietro col programma e soprattutto con gli esami.
La mia condizione di ritardo invece che stimolarmi mi ha ulteriormente rallentata fino a perdere due anni interi di corso e i relativi esami.

Consapevole del danno che avrei fatto a me stessa a lasciare tutto, ho deciso di abbandonare il lavoro e dedicarmi solo allo studio, anche se recuperare 18 esami mi spaventava molto.

Da quando mi sono iscritta al corso Genio non solo ho ricominciato a lavorare, ma ho anche preparato il primo di una lunga serie di esami in 5 giorni prendendo il mio primo 30!
Felicissima di aver intrapreso questo percorso di vita e di crescita.