Sono una dottoranda in scienze dell’antichità in tutela e mi occupo principalmente delle lingue morte (ne ho studiate 5), mentre sto seguendo un master per insegnare il francese come lingua straniera. Lavoro come assistente di ricerca in una università del Quebec, ho scritto delle pubblicazioni scientifiche riguardo la mia ricerca e ho tenuto conferenze in francese, inglese ed italiano.

Ho fatto il corso perchè mi piace davvero imparare nuove lingue e anche se ne conosco molte, non ho mai avuto la sensazione di saperne una perfettamente.

Il mio obiettivo principale era ottenere in meno tempo possibile le capacità di interpretare un manoscritto in arabo antico per il mio dottorato, e ora dopo 33 giorni so estrapolare le singole lettere dalle parole per ricavarne la radice e cercarle nel dizionario, e inoltre ho imparato come ricordare a lungo termine 12 nuovi vocaboli in 10 minuti.

Volevo anche seguire il corso per lavorare sulla mia memoria. Nei miei studi devo leggere molto e prima del corso dovevo leggere e rileggere le cose già lette senza mai ricordarmele. Con le mappe mentali, capisco veramente meglio le letture da fare e non ho più bisogno di rileggere la stessa cosa più di una volta.
Inoltre, dovevo sempre trascrivere i vocaboli delle lingue studiate due o tre volte per impararli e dopo qualche settimane, non li sapevo più! Con il metodo genio, posso studiare i vocaboli senza penna e mi ricordo tutto. Questo mi aiuta ad essere ancora più brava con le lingue che so già. Risparmio molte ore che posso dedicare ad altre cose.

Sono madre lingua francese e le iniziali difficoltà linguistiche nell’imparare il metodo genio spiegato interamente in italiano, le ho superate grazie alla persona che mi ha assistito nell’apprendimento Adriano Pantaleo. È molto motivante lavorare con persone così appassionate! Mi ha incoraggiato e continua di farlo, sempre pronto per sostenermi e a tirare fuori le mie potenzialità. Infatti sfrutto il metodo per l’arabo e ora lo sto usando per iniziare ad imparare l’alfabeto aramaico, che mi servirà per un corso che sto seguendo.

Vorrei anche ringraziare Marco Valentini di avermi invitata alla presentazione del corso e l’istruttrice di Roma Luisa De Donno di aver cambiato la mia visione dello studio.


Sono una studentessa al terzo anno dell’università di agraria e sono da poco diventata mamma.
Ho sempre avuto un rapporto conflittuale con lo studio, perdevo molto tempo sui libri e spesso risultava anche improduttivo. Con l’arrivo del bimbo i tempi si sono ridotti ulteriormente e, avendo perso un anno, mi ritrovavo con molti esami da recuperare e poco tempo a disposizione.

Ho sentito parlare del corso genio in 21 e ho deciso di tentare questa esperienza per cercare di dare una svolta alla situazione.

Ad oggi posso dire che con le tecniche imparate al corso genio riesco a gestire casa,  studio e bimbo senza nessun problema preparando esami in due settimane.

-Irrigazione e drenaggio con 28

-Statistica di base con 27

-politica agraria con 28

Concludo dicendo che è soprattutto cambiato il mio approccio allo studio consentendomi di vivere il tutto più serenamente e con più curiosità verso le materie che affronto e per questo consiglio il corso genio a chiunque scelga di dare una svolta alla propria vita e voglia più tempo da dedicare a se stesso e a ciò che ama..


Sono una studentessa che frequenta l’ultimo anno di liceo linguistico.

Prima di frequentare il corso, per studiare, mi limitavo a leggere e a sottolineare. Impiegavo molto tempo e dopo la verifica non mi ricordavo più i concetti base.
Prima di ogni interrogazione (soprattutto di storia) provavo ansia e insicurezza. Ogni volta mi sembrava di non essere ben preparata.

Iniziando piano piano ad utilizzare il metodo del corso, i miei voti sono migliorati e ora risparmio molto tempo. 
Prima del corso studiavo per 5 ore circa una cinquantina di pagine di storia e ottenevo un 6 tirato.
Ora quelle 50 pagine le studio in due orette scarse e prendo dal 7 e mezzo in su.
Utilizzando anche le tecniche di rilassamento sono molto più sicura e rilassata.
Ho cambiato radicalmente atteggiamento verso la scuola. Non vivo più le interrogazioni con angoscia ma come una semplice routine.

Ora riesco anche a dedicare più tempo ad attività extra scolastiche. Pratico regolarmente e in modo intenso uno sport agonistico e sto iniziando a seguire il corso per la patente.


Frequento l’Accademia del Cinema Renoir a Roma. Mi sono laureata nel 2015 in Scienze dello Spettacolo presso il DAMS di Firenze.
Ho frequentato il corso Genio in 21 giorni nel marzo 2016. Me ne aveva parlato un amico, entusiasta dei risultati e consapevole della mia difficoltà nel gestire ansia e stress, due fattori che minavano in modo costante il mio potenziale e la mia determinazione a raggiungere gli obiettivi che mi prefiggevo.
All’inizio pensavo sarebbe stato un classico corso motivazionale: qualche dritta, grandi incoraggiamenti, e via. Punto e a capo, come prima.
Mi sbagliavo molto.
Anzitutto, non mi aspettavo di trovare dei tutor. Tutor competenti che seguono i corsisti dal primo istante e oltre la fine del percorso – perché, diciamocelo: la motivazione è come la doccia, farsela una volta ogni tanto non basta. Deve essere un’abitudine, sana e necessaria.
Avevo già provato per conto mio la strada della motivazione: “Puoi farcela”, mi dicevo. “Non c’è niente che non puoi raggiungere”. Tutte cose vere, ma quel che mancava era la tecnica. Tecnica di concentrazione, memorizzazione, organizzazione dello studio e del tempo.
E qui entra in gioco il corso che mi ha cambiato la vita.

Non si tratta solo di motivazione. Quel che cambia è la testa. Imparare a organizzarsi, a gestire lo studio e, non da meno, lo stress, che è parte integrante della persona, non elemento da cacciare. Se incanalato e gestito, lo stress può essere un aiuto e un fattore di produzione.
Attraverso le tecniche del corso, la mente finalmente si libera dalle gabbie inutili nella quale la releghiamo involontariamente da sempre: abbiamo tutti i requisiti necessari per riuscire nei nostri sogni e obiettivi, il nostro grande ostacolo siamo noi stessi. Perché remarci contro? La nostra memoria è già perfetta: bisogna solo imparare a usarla nella maniera più proficua.

Dopo il corso, sono riuscita a dare cinque esami alla specialistica di Progettazione di eventi dello spettacolo, in soli venti giorni: due 30 e lode, un 29 e due 28. Il tutto, senza fare maratone, ma studiando poche, concentrate ore al giorno. Uno dei due 30 e lode era un esame di Storia del Teatro da dieci libri: l’ho preparato in meno di una settimana.

Io ero sempre la stessa, quel che era cambiato era il mio atteggiamento nei confronti delle sfide e nel tirar fuori tutto il mio potenziale. E anche se, adesso, sto cercando di capire cosa fare della mia vita, il corso è un punto saldo da cui partire. Quel che è cambiato è il mio atteggiamento nei confronti delle sfide.
Non solo: da sempre, studio e lavoro insieme. Cosa molto difficile, che spaventa tanto. Ma non impossibile.
La fiducia nelle tecniche (e la loro efficacia) mi ha permesso non solo di arrivare a pochi esami dalla laurea, ma di continuare a lavorare e, come detto all’inizio, di intraprendere anche un ulteriore corso (mai limitarsi): da gennaio, frequento l’Accademia del cinema Renoir a Roma, due volte a settimana. Io che, fino a poco tempo fa, avevo terrore a uscire di casa e a prendere in mano la mia vita.
Morale della favola, consiglio il corso a tutti: a chiunque si sia sentito poco determinato, poco bravo, “poco” in generale. È già tutto dentro di noi, serve solo un po’ di allenamento.
Ringrazio Arianna, Bianca e Davide per non aver mai dubitato di me e anzi, per considerarmi “Una delle più soddisfacenti storie di successo del corso Genio in 21 giorni”.


Sono uno studente di 22 anni, frequento la laurea magistrale in scienze motorie in tecniche avanzate dello sport.

Prima di frequentare il corso passavo i giorni della sessione esami a mettere in ordini fogli volanti pieni di riassunti senza poi ottenere buoni voti. Tendenzialmente per studiare mi mettevo a sottolineare le parti più importanti per poi riassumerle. Per applicare questo metodo ho sempre avuto il bisogno di studiare qualche giorno prima dell’esame per non dimenticarmi le cose, arrivando sempre con l’acqua alla gola. 


Ora ho un metodo efficacie che mi permette di organizzarmi con i miei impegni extra-universitari ottenendo risultati subito positivi. La sessione successiva al corso ho ottenuto un 29 di sociologia 26 di statistica e studio dei materiali e 28 di chinesiologia quando la mia media precedente era intorno al 24.
L’approccio allo studio ora molto più stimolante e positivo e posso concretizzare il mio obiettivo di uscire con il massimo


Mi chiamo Domenico, ho 17 anni e frequento il quarto anno del Liceo Scientifico “F.Balsano”.

Prima di iniziare questo corso ero molto scettico, ero in dubbio che potessi sviluppare diverse abilità e tecniche di apprendimento, dettate dal fatto che non avevo fiducia in me stesso. Col tempo, sto capendo che sono l’unico che può  credere in me stesso, di certo non lo farà qualcun altro al posto mio. Mi sto dando da fare, grazie anche al mio tutor Mario De Vincenti, il quale mi sta aiutando nell’acquisire un nuovo metodo di studio.

All’inizio ho avuto qualche lieve difficoltà con il metodo perché ero abituato a studiare diversamente, (passavo intere ore sui libri ma comunque ricordavo ben poco), ma ora mi sento più sicuro e sto riuscendo a memorizzare in meno tempo e in modo più efficace i diversi argomenti che sto affrontando.

Tramite le mappe a cui associo un visual e attraverso i PAV riesco a far entrare nella mia testa concetti e varie pagine di libri. Un altro processo, non di meno importanza è quello della lettura veloce, puntando con la penna sul libro per un determinato periodo di tempo senza distrarmi. Con ciò sono riuscito a leggere e a comprendere più pagine in un tempo minore e meglio rispetto al metodo che usavo in precedenza. La mia vita, dopo il corso “Genio in 21 giorni” va meglio, riesco a studiare con un metodo che mi piace dove capisco gli argomenti che affronto, ottenendo anche buoni voti in materie che mi risultavano difficili e organizzo la giornata riuscendo a concludere tutte le attività che ho in programma. Tutto ciò grazie alla mia costanza, al mio impegno e agli strumenti del corso.

Tra i miei obiettivi dopo questo corso, oltre a quello prefissato di migliorare il mio metodo di studio, c’è quello di impegnarmi giorno per giorno per riuscire a conseguire traguardi, o perlomeno risultati importanti nell’ambito scolastico e nella vita di tutti i giorni. 


Frequento la terza superiore al liceo scientifico Leonardo da Vinci di Firenze.
Sono venuto a conoscenza del corso ad un forum organizzato della mia scuola e mi sono incuriosito molto, soprattutto perché ormai ero stremato e mi ero quasi arreso con lo studio. Avevo iniziato ad accontentarmi di qualsiasi voto (anche un’insufficienza lieve), a ritrovarmi all’ultimo a studiare e a dover sempre finire la mattina dopo sull’autobus e a sentirmi ad ogni compito/interrogazione nel panico più totale non riuscendo a concentrarmi.

Dopo 4 mesi dal corso sono riuscito ad avere grandissimi miglioramenti:
– finisco sempre di studiare in tempo se non in anticipo grazie alla lettura strategica e alle mappe mentali (e finalmente in autobus mi riposo, ascolto la musica o chiacchiero con amici)
– non provo più stress durante i compiti/interrogazioni anche perché ora sono più sicuro di quello che studio grazie al metodo e alle tecniche di rilassamento.
– ho aumentato di circa un voto buona parte delle materie arrivando a risultati che prima non avrei creduto possibili per me. Come 8.5 a matematica, materia in cui non avevo mai preso un voto più alto di 7, e 9.5 a biologia studiando 30 piene di termini e definizioni in mezz’ora, due settimane prima del compito, e ricordandomi poi tutto grazie alla tecnica per il ricordo a lungo termine.

Ci tengo a ringraziare, per tutto quello che mi ha dato, il mio tutor Enrico Faggioli, che mi ha fatto ricredere sulle mie capacità e che mi ha aiutato a raggiungere traguardi che il me di prima considerava fuori dalla propria portata.


Lavoro in uno studio di fotografia e per quanto riguarda gli studi li ho terminati diversi anni fa.
Ho partecipato al corso che si è tenuto a gennaio 2018 assieme a mio marito che, a seguito di un grave incidente anni fa, ha avuto problemi di memoria.
Ho deciso di sfruttare questa opportunità per trovare un metodo che mi desse la possibilità di acquisire e ricordare a lungo termine nuove nozioni. Sono una persona molto curiosa, con molti interessi e altrettanta voglia di colmare questa sete di sapere, sia nella vita privata che nel lavoro, ma queste informazioni mi sono sempre sfuggite dalla mente in un soffio.
Sin dai tempi dell’università l’esposizione dei concetti non è mai stato il mio forte: mi sentivo sempre ansiosa e insicura tanto che finiti gli esami mi serviva una giornata per riprendermi dal forte stress.

Dopo aver seguito il corso ho cominciato a gestire meglio l’ansia e l’esposizione proprio grazie alla sicurezza che mi ha dato l’applicare il metodo.
Sono riuscita in meno di tre settimane ad assimilare 160 pagine di un manuale sulla fotografia. La cosa più sorprendente per me non è stato il numero di pagine ma la mia qualità nell’esposizione: sono riuscita finalmente a sbloccarmi e l’ansia invalidante che provavo quando studiavo è nettamente diminuita, dandomi la possibilità di esporre in modo lineare, sicuro e chiaro.

Sono contenta di aver seguito il corso ed aver appreso questo metodo in quanto è un ottimo strumento per mantenere l’agilità mentale e la concentrazione.
Un particolare ringraziamento alla mia tutor Elisa Verbale che, tra altri innumerevoli consigli, mi ha insegnato a respirare: per un sacco di anni ho vissuto in uno stato di inconsapevole apnea, per cui grazie di cuore!


Frequento la quarta superiore di un istituto tecnico commerciale con indirizzo relazioni internazionali per il marketing.
Prima del corso non avevo un vero e proprio metodo di studio ma le cose principali che facevo per studiare erano: leggere, rileggere e sottolineare o evidenziare, magari rileggere più e più volte prima di comprendere veramente ciò che stavo studiando e poi rileggere mentre facevo i miei schemi in cui riscrivevo praticamente la maggior parte di quello che avevo appena letto. Conclusa questa parte di “studio” ripetevo un milione di volte la lezione finché in pratica non la sapevo a memoria.

In questo modo, al di là delle numerose distrazioni, perdevo molto tempo nel rileggere troppe volte e nel ripetere l’argomento con il rischio di dimenticarmi anche a breve termine qualche particolare importante.

Prima di ogni verifica scritta o interrogazione ero molto molto ansiosa, soprattutto nelle interrogazioni ero molto tesa già solo al pensiero di dover parlare davanti al professore di quell’argomento di cui magari non riuscivo a ricordare tutto alla perfezione e il rischio di farmi sfuggire qualcosa.

Il corso è stato più che utile per me. Ho cambiato metodo di studio, o meglio, ne ho adottato uno vero e proprio. Ho imparato ad ottimizzare i tempi quindi quello che facevo prima lo faccio in metà del tempo se non di più ottenendo anche un risultato migliore rispetto a prima. Al posto di rileggere mille volte la stessa cosa, la leggo una volta e comincio subito con le mappe senza dover tornare indietro anche solo per insicurezza. La memorizzazione della mappa occupa giusto 5 minuti poi la ripasso ed il lavoro è fatto.

Questo mi permette anche di andare all’Interrogazione molto più rilassata, con un livello di ansia molto basso se non inesistente.

Risultati ottenuti: 70 pagine di relazioni internazionali le avrei dovute suddividere in più giorni per poterle fare tutte e fare almeno 10 facciate di schemi, mentre ora sono riuscita a farle in 2 ore andando all’Interrogazione senza ansia e ottenendo 8,5 come voto (quindi un voto e mezzo in più rispetto alla mia media in questa materia) con tanto di complimenti da parte del professore sia per la mia esposizione sia per le mappe.
Altri risultati importanti grazie al corso sono stati:
•8+ di diritto
•7+ di economia
•8+ di tedesco
•7 di spagnolo
Tutti quanti aumentati di almeno un voto rispetto alla mia media.

Ogni volta che riesco a prendere un bel voto grazie a questo metodo o anche solo riuscire a studiare in meno tempo sono più che contenta ed entusiasta di riuscire a far sempre meglio. È molto stimolante a fare sempre di più.

Un particolare grazie alla mia tutor Adriana Dana che mi ha accompagnata in questo percorso facendo sfruttare al meglio le mie capacità!


Sono uno studente di ingegneria meccanica al secondo anno. Sono sempre stato uno studente dalla media piuttosto alta, che però mi richiedeva tanto tempo, soprattutto visti i miei problemi di distrazione e disorganizzazione. Queste ultime pecche mi portavano anche ad essere poco calmo prima di eventuali esami e a limitare il mio tempo libero.

Grazie al corso, alle tecniche e ai consigli, sono migliorato tanto nell’organizzazione per sfruttare appieno il mio tempo di studio, così da averne altro da poter dedicare a hobby, amici amici e svago. Ho chiuso la sessione con 3 esami, rispettivamente 30 e lode, 30 e 22 (fisica 2 è stata la mia bestia nera ma le tecniche sono state molto utili) e dovrò dare il quarto esame al prossimo appello, quarto esame che ho già preparato e potrò richiamare in un giorno con le tecniche.

Ho imparato tanto, soprattutto sull’aspetto emotivo, organizzativo e mnemonico, e spero di fare ancora meglio. Ringrazio il centro Genio in 21 giorni di Torino e soprattutto il mio tutor Mirko Romano, senza il quale non avrei raggiunto questi risultati!