Piergiorgio Baffi

Ho 24 anni e sto partecipando al concorso per diventare Vigile del Fuoco.

Il mio percorso di studi è stato sempre difficoltoso, mi inventavo scuse riguardo ai professori, alle loro esigenze e all’inutilità di alcune materie con conseguenze disastrose riguardo i miei risultati e le mie credenze nel non riuscire a studiare.

Già da un anno prima dell’uscita della banca dati stavo studiando le materie più disparate che mi sarebbero servite per affrontare il concorso; uscita la banca dati della prova preselettiva mi sono reso conto che tutte quelle ore dedicate allo studio non mi erano servite a molto, allora ho iniziato a studiare le domande per diverse ore ogni giorno, ma il mio studio non aveva un metodo se non quello di fare e rifare migliaia di quesiti già con l’idea di non potermeli ricordare e fallire la prova concorsuale.

Arrivati a una decina di giorni dalla data della prova ho partecipato al corso “Genio in 21 giorni” nella sede di Perugia e ciò che non sono riuscito a memorizzare in più di un anno tra studio e ripetizione della banca dati sono riuscito a farlo in poco più di 5 giorni.

Il giorno della prova ormai ero sicuro di me, di ciò che avevo fatto e di come avevo memorizzato la banca dati alla perfezione.
Arrivati a Roma, sede del concorso, mi sono trovato in mezzo a circa 4000 ragazzi/e che come me avevano l’unico obiettivo di passare la preselettiva con il miglior punteggio possibile, prima del corso ciò mi avrebbe messo sotto pressione fino a farmi confondere le idee con la classica paura dell’esame ma sapevo di ciò che ero capace e ho portato a casa un bel 40/40 permettendomi di passare alle altre fasi che sto preparando brillantemente grazie alle tecniche acquisite.