Marco Giglio

Sono iscritto al secondo anno di Ingegneria Industriale a Lecce.

Da quando ho finito la maturità il mio sogno è entrare nell’Accademia dell’Aeronautica. Ci ho provato per 2 anni, ma il fattore ansia e il pensiero di non essere all’altezza hanno preso il sopravvento. Per non stare fermo a girarmi i pollici ho iniziato a frequentare l’Università, ma anche qui i risultati non erano dei migliori: perdevo molto tempo a studiare, lo facevo controvoglia e la stima di me stesso andava sempre più verso il basso. 
Ho sentito parlare di Genio in 21 giorni da una amica. Non ero a conoscenza di corsi di apprendimento efficaci e, per cambiare la mia situazione, non ci ho pensato due volte prima di iscrivermi.

Da quando ho fatto il corso molte cose sono cambiate. Ho studiato 2 banche dati (una da 7100 domande e una da 5000 domande) in poco più di due settimane e mettendomi sulla scrivania la mattina e qualche ora la sera e sono riuscito passare la preselezione con un punteggio che è tra i più alti che ci siano stati. Nello stesso periodo ho superato al primo appello possibile lo scritto di Analisi I, che era la mia bestia nera, e preparato l’esame per diventare un istruttore di nuoto, superato anche quello con successo.
Non arrivo più agli esami con ansia, ma con sicurezza e voglia di sostenere l’esame.