Jacopo Raveggi

Frequento la terza superiore al liceo scientifico Leonardo da Vinci di Firenze.

Mi è sempre stato detto che avevo le potenzialità per ottenere buoni risultati a scuola, ma che non li avrei mai ottenuti se non avessi cominciato a dedicare più tempo allo studio. Io però ho sempre preferito dedicare il mio tempo allo sport, alla musica e agli amici e non avrei mai rinunciato a quello che più mi appassionava per studiare.

Quando arrivai in seconda superiore mi trovai in difficoltà: le energie che ero disposto a impiegare non bastavano più per ottenere i risultati che mi aspettavo. Passavo il tempo a leggere e ripetere più volte per studiare e quando provavo a studiare di più per ottenere un voto migliore, era tutto inutile.

A novembre 2016 venni a conoscenza del corso Genio in 21 giorni durante il forum scolastico e decisi di frequentarlo, stanco di dover saltare gli allenamenti per stare a studiare.

Dalla media del 7 del trimestre sono passato alla media dell’8 nel pentamestre, impiegando a studiare un terzo del tempo rispetto a prima.
Ho capito cosa funzionava meglio per me nello studio e perché in certe materie ero sempre in difficoltà. Ho capito che non ero io stupido che non riuscivo a studiare, semplicemente non avevo il mio metodo, nessuno si era occupato di insegnarmelo.

A distanza di un anno mi sono reso conto che il tempo risparmiato nello studio e che ho dedicato allo sport e alle mie relazioni interpersonali mi ha permesso di godermi a pieno ciò che mi piace fare.

Adesso mi alleno tra rugby e palestra 5 volte a settimana, suono la chitarra elettrica in una band due volte a settimana, sono rappresentante d’Istituto e amo passare il mio tempo con i miei genitori e la mia fidanzata.

Dedico 45 minuti in media al giorno per lo studio scolastico (e altri 30 minuti per studiare ciò che mi piace) e quest’anno ho l’obiettivo di passare con la media del 9.
I miei genitori sono molto contenti di tutto quello che sto facendo per me stesso e dei risultati che sto ottenendo ogni giorno a scuola.

Molti miei compagni mi chiedono come faccio a fare tutte queste cose, mentre loro passano le loro giornate a studiare. Tutto questo è merito di un sistema di studio veloce ed efficace adattato al mio modo di apprendere.

Penso che questo sia la cosa della quale sono più contento: ottenere i risultati che ritengo giusti per me senza rinunciare a ciò che mi appassiona.