Ecco perchè studiare ti stressa così tanto (e cosa ti serve per poter stare meglio)

studenti-stressati-repubblica“Gli adolescenti italiani sono stressati dal carico di lavoro degli studi e hanno un pessimo rapporto con la scuola. È quanto emerge dal rapporto quadriennale sulla salute e il benessere dei giovani pubblicato dall’ufficio europeo dell’Oms, che contiene dati raccolti nel 2013-2014 su ragazze e ragazzi di 11, 13 e 15 anni. Secondo lo studio solo il 26% delle undicenni e il 17% dei colleghi maschi dichiara che la scuola “piace un sacco”, un dato che scende a 15 anni rispettivamente al 10% e 8%.

Anche dal punto di vista della pressione percepita da parte del sistema scolastico i dati sono poco incoraggianti, con lo stress che colpisce il 72% delle quindicenni e il 51% dei ragazzi.” *Repubblica

Insomma: studenti stressati che odiano la scuola e che mediamente hanno risultati molto insoddisfacenti. 

La scuola italiana è troppo esigente dunque?

Anche in questo caso le statistiche sono chiare in merito e la risposta è…. Assolutamente NO.

il sistema scolastico italiano, come da diverso tempo, rimane in fondo alla graduatoria dei Paesi con i migliori livelli di istruzione.

* Fonte http://www.gadlerner.it/2014/09/09/ocse-in-italia-listruzione-e-sotto-la-media-dei-paesi-avanzati/

ocse-istruzione-sotto-media

Ma allora perchè questa situazione? Siamo forse un popolo di sfaticati senza nessuna voglia di darsi da fare?

Può darsi, ma non credo.

Penso piuttosto che il problema sia un altro: la scuola, per come è strutturata, non è in grado di accendere l’interesse del cervello umano.

A dirlo non siamo noi ma la scienza. 

La scienza ha da tempo accertato infatti che il cervello umano è dotato di due “emisferi” con caratteristiche e funzionalità distinte.

emisferi

Da questo semplice schema che riporta in modo molto intuitivo le differenze scoperte dagli studiosi, si vede molto chiaramente di che problema soffre in realtà il nostro sistema scolastico: per la maggior parte obbliga il nostro cervello a funzionare a mezzo regime.

A scuola, per una storica eredità che abbiamo ricevuto dai tempi di Cartesio con il suo “Penso dunque sono” , le informazioni ci vengono trasmesse dando pressochè totale preferenza alle funzionalità e caratteristiche dell’emisfero razionale sinistro, trascurando quasi totalmente quelle dell’emisfero destro.

Ora, nessuno di noi si sognerebbe mai di andare in giro camminando su una gamba sola tutto il tempo – pur avendone due di sane – eppure questo è in realtà quello che facciamo ogni giorno a scuola e ogni giorno viene preteso dai nostri ragazzi che studiano.

Prova anche solo per qualche minuto a saltellare su una gamba sola anzichè camminare con due gambe come dovresti… la fatica, lo stress, la difficoltà ti fanno passare subito la voglia, vero?

Ecco, esattamente allo stesso modo succede a scuola: sei obbligato da anni a far andare il tuo cervello come su una gamba sola. E’ ovvio e normale che tu ti senta stanco, frustrato, affaticato e proprio non ne abbia voglia.

E’ anche ovvio che i risultati che puoi avere siano deludenti, quanto meno rispetto allo sforzo che impegni.

Ogni volta che per studiare passi tempo a leggere, sottolineare, fare schemi e ripetere a pappagallo per memorizzare, stai obbligando il tuo cervello a saltellare faticosamente su una “gamba” sola e naturalmente questo ti porterà in una sola direzione: odiare la scuola e vivere sotto stress la vita scolastica.

La soluzione è a questo punto evidente.

Si tratta naturalmente di riportare il tuo cervello a “camminare su due gambe”, ovvero a funzionare utilizzando il suo pieno regime.

Il tuo motore a questo punto non sarà più continuamente in “su di giri” consumando tre volte tanto il carburante che gli servirebbe se tu gli mettessi la marcia giusta.

In pratica la questione si riporta all’insegnare al tuo cervello ad affrontare qualsiasi libro di testo o informazione da memorizzare nel modo a lui più congeniale, sia per decifrare le informazioni (ecco perchè il nostro metodo ha così grande successo anche nei casi di dislessia) sia per memorizzarle.

Qualunque informazione tu processerai dopo aver fatto il Corso, il tuo cervello sarà in grado di capirla e memorizzarla facilmente perchè avrai imparato la lingua in cui lui parla e gli passerai le informazioni nel modo a lui più congeniale.

Puoi pensare alle tecniche di apprendimento efficace come al Manuale Operativo del tuo Cervello, quello cioè che ti spiega esattamente come usare al meglio il fantastico strumento che abbiamo a disposizione, smettendo di farne un uso improprio.

Ovviamente, altrettanto che per il Manuale Operativo di qualsiasi macchina, semplicemente avere il Manuale e leggerlo non significa che tu riesca a far funzionare da solo e fin da subito la macchina. Puoi imparare come accenderla, come farle fare le funzioni base ma se vuoi diventare lo Schumacher della situazione è chiaro che ti serve avere qualcuno che già sa guidare quella macchina da tempo e ti affianca per insegnare anche a te a fare altrettanto.

Questa, in poche parole è la stessa differenza che c’è fra il leggere un libro che parla di tecniche di memoria (o fare un video corso online che ti dice sostanzialmente quello che è scritto in un libro solo che a leggere i contenuti è un altro al posto tuo) e l’avere invece a disposizione – come solo noi sul mercato siamo in grado di garantirti – un Preparatore Personale al tuo fianco.

Perciò, durante i 3 giorni di corso insieme ti diamo il Manuale Operativo del tuo Cervello così come le più avanzate frontiere delle neuroscienze ci hanno mostrato e poi subito dopo ti affianchiamo – per tutto il tempo necessario a far diventare anche te uno Schumacher della Memoria – un Preparatore Personale, una persona che ti affianca in esclusiva aiutandoti ad adattare il Metodo alla tua unica e specifica situazione.

In pratica…

Se hai compreso a fondo questi elementi fondamentali

  1.  il tuo bisogno di scoprire come funziona il tuo cervello in modo che possa camminare su due gambe e non continuare faticosamente a saltellare su una sola e
  2. il fatto che dopo il nostro Corso avrai la possibilità unica nel mercato di avere qualcuno che ti affianca per tutto il tempo necessario a farti diventare un pilota esperto per qualunque tipo di strada su cui il tuo cervello ha bisogno di correre

ma ancora non sei contento e vuoi capire meglio di cosa si parla al nostro corso, ti invitiamo a leggere il libro Genio in 21 Giorni.

Lì potrai trovare descritte le tecniche di cui ci occupiamo nel corso.

Quello che non potrai trovare nè lì nè in nessun altro libro, blog o video corso che puoi trovare sul mercato, è la possibilità di avere al tuo fianco, occhi negli occhi, una persona che ti guida a fare quello che la scuola dovrebbe fare ma non può e non sa fare.

Perciò, per concludere, visto che te ne ho parlato così diffusamente, ti voglio presentare almeno virtualmente la nostra squadra di Preparatori Personali (nella foto mancano quelli di Spagna e Stati Uniti che erano impegnati in altri eventi, metterli assieme tutti è sempre un’impresa!) e ti invito a venire ad incontrarli di persona in una delle tante nostre sedi in giro per il mondo.

Alla prossima!

preparatori

 

Banner Genio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *